E siamo già a novembre!!!

L’anno formativo 2015-16 è partito alla grande? Sicuramente! Sia prima che dopo l’inizio delle lezioni che è stato “posticipato” da lunedì a martedì 15, con sole 4 ore di Accoglienza!
Le prima grande novità prima dell’inizio delle lezioni è stato il tirocinio a Peperò, la 66° Sagra del Peperone di Carmagnola riservata agli allievi della seconda biennio.

Peperò 2015 - Gli allievi impegnati nell'evento gastronomico a Carmagnola

Peperò 2015 – Gli allievi impegnati nell’evento gastronomico a Carmagnola

Una grande esperienza che ha visto gli allievi di ristorazione in serate di alto livello: il buffet di inaugurazione della Sagra; la serata in cui sono sfidati i food blogger, la cena con lo chef Michelangelo Mammoliti, la serata con Maurilio Garola della Ciau del Tornavento di Treiso d’Alba, la cena “bank cooking” con oltre 80 persone in sala, per concludere con un servizio a base di prodotti del territorio.

Quest’anno avvio delle attività con il saluto del presidente, Don Enrico Stasi e le fotografie con il gruppo delle prime (di cucina e di sala), con la seconda biennio reduce da Peperò e con i grafici della seconda e terza triennio.

IMG_2000

Gli allievi di cucina e Don Enrico Stasi

Classi prime di cucina e sala con Don Enrico Stasi

Classi prime di cucina e sala con Don Enrico Stasi

Classe dei Grafici con Don Enrico Stasi

Classe dei Grafici con Don Enrico Stasi

Prima uscita quella seconda biennio è stata per partecipare a Cheese 2015 a Bra. Una occasione interessante per scoprire il mondo del latte e del formaggio ma anche per visitare il grande Centro di Formazione Professionale.

2015-09-21 18.30.49

I ragazzi della classe seconda di cucina al Centro CNOS-FAP di Bra in compagnia di Don Vincenzo Trotta

Cheese 2015 a Bra

Cheese 2015 a Bra

20150921_113320

Cheese 2015 a Bra

L’uscita tecnica per al prima biennio, nell’ambito dello studio della enogastronomia, è stata nelle vigne di Davide Rolla vicino a Montechiaro d’Asti per partecipare alla vendemmia e per partecipare alla lavorazioni iniziali per la vinificazione: pigiatura e deraspatura.

Allievi della prima classe di "sala bar" in vendemmia

Allievi della prima classe di “sala bar” in vendemmia

Non poteva mancare la vista ai padiglioni di Expo: due pullman hanno portato tutto il Centro, allievi e formatori, a districarsi tra le migliaia di persone che affollavano Expo alla scoperta delle tante proposte offerte dai vari padiglioni sul tema dell’alimentazione.
All’imbrunire, si sono potuti ammirare i giochi di luce, acqua e laser dell’Albero della Vita proprio davanti al padiglione Italia.
Prima della fine ottobre un caldo pomeriggio è stato dedicato alla tradizionale castagnata: mentre si svolgevano i tornei sono state preparate le caldarroste per tutti.

Castagnata - momenti di gioco

Castagnata – momenti di gioco

Castagnata - c'è chi la prepara

Castagnata – c’è chi la prepara

E così siamo arrivati a novembre senza quasi accorgecene!

Un caleidoscopio d’immagini…

Alla conclusione di un anno formativo si crea un caleidoscopio d’immagini… di persone, di attività, di formazione, di iniziative, d’allegria, d’impegno… Anche se qualche obiettivo non è stato centrato… è certo che sono state veramente tante le occasioni di crescita offerte a ciascuno!

Ci sono i volti di ragazzi e di ragazze, di giovani e di adulti che hanno interagito per acquisire sia competenze di base che professionalizzanti: sui banchi di scuola, ai fornelli, al computer o alla macchina da stampa, dietro ad un banco bar, su un trattore o nel curare una pianta di rose… Per la terza triennio di grafica e la seconda biennio di ristorazione – ma anche per gli allievi dei tre corsi MDL (Addetto potatura e giardinaggio, Addetto Sala e banco bar e Operatore specializzato di macchine vitivinicole) – c’è stata l’interessante esperienza di stage in azienda del settore. Gli allievi più grandi dell’Obbligo di Istruzione hanno organizzato un’uscita tecnica di più giorni; i grafici a Nizza e a Montecarlo ed i cuochi a Parma e dintorni alla scoperta di alcune lavorazioni alimentari tipiche.

Gli allievi di grafica – per classi o per gruppi – sono stati coinvolti in una visita tecnica a Milano, nella ideazione degli addobbi natalizi, nella progettazione dell’immagine coordinata di Sochi 2014 e di alcuni contenitori, nell’evento castelnovese della Festa della Terra e nelle varie UDA previste per le singole annualità. Quelli di ristorazione hanno preso parte – non solo alla manifestazione Cheese di Bra (CN) o alla vendemmia a Montechiaro (AT) – ma a vari servizi di ristorazione effettuati in e fuori sede. E poi le varie UDA programmate dai formatori…

Ai più giovani sono state proposte varie occasioni di distensione, di riflessione e di celebrazione, come l’accoglienza festosa dell’Urna di Don Bosco, le giornate a San Giovanni di Riva, le feste con i genitori, ecc. C’è chi si è misurato con coetanei gareggiando ai Concorsi Nazionali Cnos-Fap ed ha vissuto un’esperienza significativa e chi ha partecipato ad altre iniziative proposte dai docenti…

In molte serate o al sabato mattina, i protagonisti sono stati gli adulti – prevalentemente donne – ed hanno  approfondito le tecniche di cucina, di pizzeria o di pasticceria… con ottimi risultati.

Ma non c’è tempo a volgere lo sguardo indietro… perché una nuovo anno formativo è ormai alle porte!

007

006005004003002001

Benvenuti

Il Centro Cnos-Fap Colle Don Bosco viene aperto nel 1979 dalla trasformazione del triennio di Istituto Professionale “Bernardi Semeria”. Affonda le sue radici nelle consolidate attività formative di formazione professionale dei Salesiani e dell’affermata Scuola Grafica del Colle Don Bosco che ha mosso i primi passi negli anni ’40, nella terra natale di Don Bosco.

Ben presto alla formazione destinata ai ragazzi si affianca quella per adulti, svolta prevalentemente al sabato, e con l’informatizzazione del settore grafico, i corsi di prima formazione vengono aperti anche alle ragazze.

Poi è stata sviluppata la collaborazione con alcuni Istituti Comprensivi della zona per offrire brevi corsi di Orientamento con gli allievi di terza media; nonché quella con un Istituto Professionale di Bra per la realizzazione di percorsi professionali biennali sulla grafica e quella con un Istituto Professionale di Asti per l’erogazione delle competenze di base nei corsi di Diritto Dovere e Obbligo di istruzione.

Attualmente il Cnos-Fap Colle Don Bosco ha il Sistema Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2000 ed è accreditato presso la Regione Piemonte per la Formazione Professionale e per l’Orientamento.

Sulla Direttiva Obbligo Istruzione, il Cnos-Fap Colle Don Bosco realizza corsi triennali e biennali di Operatore grafico negli ambiti della Prestampa e Stampa-Allestimento. Oltre all’attività teorica e pratica nei laboratori, gli allievi hanno la possibilità di fare esperienze culturali, formative e sociali, fino al coinvolgimento delle famiglie.

Un questi ultimi anni, sulla direttiva Mercato del Lavoro (MDL) sono stati attivati vari corsi nel settore socio-sanitario, della ristorazione-cucina ed altri. Altri corsi brevi di aggiornamento – non esclusivamente sul settore grafico – sono stati attivati sulla direttiva della Formazione Continua a Domanda Individuale (FCI).

L’esperienza acquisita nel settore della ristorazione ha portato alla attivazione, per l’anno formativo 2010-11, di un corso biennale di qualifica per ragazzi e ragazze quindicenni in Servizi ristorativi-cucina.